Registrati a VespaSpecial.com e riceverai notizie, offerte e promozioni riservate Registrati ora.

Menù





World Vespa Day 2008

World Vespa Week 2008

Vespistico Luca


  • Spostamento

     

    Ciao a tutti!
    Dopo aver abbandonato per quasi un anno il blog ho deciso di ricominciare a scrivere e finalmente a risistemare i vecchi post. Già ch c'ero ne ho creato uno nuovo e da oggi posterò diremmente lì

    il nuovo indirizzo è

    Vespando per l'Europa - http://www.vespando.crocebiancabrescia.info


  • Un bel racconto da un amico
    Godo del sottile perverso piacere di questa vendetta postuma, consumata inaspettatamente, in piena notte. Mi sembra di riuscire quasi ad udire l?impercettibile stillicidio dei microscopici schianti. Decine di zanzare stanno andando a spiaccicarsi sul piccolo parabrezza del mio PX mentre percorro la "Varesina" nel tratto che passa accanto al Parco delle Groane, ma nonostante questo quelli che mi scuotono non sono brividi di goduria, ma di frescura. Una benedizione dopo i trenta appiccicosi gradi della serata appena trascorsa a Milano. Più che una vendetta la mia è una rappresaglia. Non faccio prigionieri. Per ogni bastardissima zanzara che mi ha punto mentre tiravo tardi in questa sera di luglio a bordo vasca del funtanun di Piazza Castello, ora ne avrò schiantate almeno dieci volte tante. Senza rallentare tiro dritto ad un semaforo che lampeggia giallo nella notte, un semaforo sopravvissuto al rigoglioso fiorire di rotonde che imperversa sia su questa SP233 come su altre gloriose strade provinciali. Quando mi capita di arrivare in questo tratto di strada di notte, provo un po' la sensazione che potrei provare entrando nell?acqua, tanto l?aria si fa improvvisamente più fresca.

    Una puttana di colore, fasciata in un abito aderente rosa fucsia, con i capelli stirati e colorati da bionda svedese, mi appare come un miraggio notturno nel cono di luce di un lampione isolato. Non posso esimermi dal rallentare per godermi lo spettacolo, ma cerco di farlo nel modo più discreto. Ha due tette enormi strizzate in un vestito troppo stretto. Con la sua esperienza intuisce le mie intenzioni: fa un passo verso la strada, mi sorride e si porta due dita alla bocca mimando di soffiarmi un bacio. Con l?altra mano si prende il bordo della ridottissima sottana e la solleva di colpo, protendendo in avanti il bacino, mettendo in bella mostra una lunga appendice d?ebano che le pende tra le gambe... anzi, a questo punto è meglio dire che ?gli? pende tra le gambe! Gli sfilo accanto lentamente ed a fatica riesco a distogliere il mio sguardo sbigottito da quella sorprendente novità! Dice qualcosa di incomprensibile per poi scoppiare in una risata sguaiata, continuando a gridare cose che non comprendo. Accelero andandomene il più velocemente possibile, spiazzato da quell'inatteso colpo di scena. Mi allontano dal lampione e sono subito inghiottito da quella che ora apprezzo come una rassicurante oscurità, solo parzialmente rischiarata dall'incerta luce del fanale della mia Vespa.

    E? notte fonda, ma con questo caldo la voglia di andare a letto per rigirarsi sudando nelle lenzuola è ai minimi termini. Mi attardo in cucina nonostante io sappia perfettamente che la sveglia suonerà tra poco più di tre ore. La finestra è spalancata ma non gira un filo d'aria. Solo il rumore di qualche rara automobile che sfreccia indisturbata rompe il silenzio della notte, scandito dal tic tac di sottofondo dell'orologio appeso sopra la porta. Apro con cautela gli sportelli dei pensili, attento a non far rumore, alla ricerca di chissà che, come se non sapessi a memoria quel che contengono.

    È stata una bella serata. Da casa mia ci impiego più di un'ora di Vespa per arrivare in centro a Milano, ma in questa stagione è un giretto che faccio sempre volentieri. ?Ecco il tubo delle Pringles! Possibile che ne siano avanzate dall'altra sera? Si! È pieno per metà!". Me ne infilo in bocca a quattro per volta: il modo migliore per gustarle. "Mmmmh! Buone! Non sono patatine ma sono proprio buone! Anche se forse è meglio non indagare su di cosa sono fatte...". Apro il frigo e mi verso un bicchiere di latte freddo. Il gusto dolciastro del latte sulla lingua salata e impastata di Pringles mi fa impazzire. Chiudo il frigo e la cucina torna ad assopirsi nella sua quieta penombra, fiocamente illuminata dalla piccola luce incassata nella cappa sopra ai fornelli. Altre quattro Pringles e altro sorso di latte freddo e un?altra auto che sfreccia nella notte fuori dalla finestra. E non gira un filo d?aria.

    Rotonda Lazzaroni. La Lazzaroni con i suoi biscotti in pratica non esiste più da anni; sopravvive la sua fama, relegata in una porzione di un capannone poco prima dell?incrocio, dove c?è rimasto uno spaccio che si fregia dell?insegna con il glorioso logo della storica azienda. Ma questa per tutti resterà per sempre la Rotonda Lazzaroni, nonostante oggigiorno l'edificio più evidente sia un grosso supermercato Esselunga.
    Non ci sono auto in transito verso l'autostrada. Qui il semaforo è ancora acceso. Rosso. Mi sento un po' scemo a star fermo qui da solo senza vedere arrivare nessuno da qualsiasi strada incroci in questo punto, ma ligio al codice resto obbediente ad attendere il verde.

    Consumo il mio spuntino notturno affacciato alla finestra, sperando inutilmente di scorgere un movimento nelle fronde degli alberi del viale, un segno che faccia sperare in una bava di vento caldo che almeno smuova l?aria. Niente. Nell?alone dei lampioni soltanto l?isterico svolazzare di ottuse falene.

    Non sono più da solo a vagare in questo pianeta. Dritto in fondo davanti a me le luci rosse di veicoli fermi a lato strada, subito prima di un incrocio regolato da un semaforo spento che lampeggia giallo a intermittenza. Rallento. Due auto in sosta, gente che chiacchiera. Dalla sinistra arriva una luce: è una moto che mi fa un lampo col fanale e rallenta. La precedenza è mia. Faccio in tempo a vedere che è una Vespa prima di superare l?incrocio e passare oltre. Nello specchietto vedo la Vespa che svolta e mi segue prendendo la mia stessa strada. Rallento di poco e mi sposto a destra. L?altro capisce l?invito e si affianca: ci guardiamo sorridendoci. Anche la sua Vespa è un PX di vecchio tipo come il mio. Non saprei che cilindrata. È grigio metallizzato, apparentemente in buono stato per quel che posso capirne di notte, viaggiando. Il tipo è più giovane di me, con un lungo pizzetto che gli da un'aria fricchettona. Porta un casco a scodella di un colore scuro che non riesco a distinguere, con disegnate delle margherite bianche stilizzate. Dal caschetto spuntano capelli lunghi e mossi. Ha la faccia pallida forse per l?effetto della luce del contachilometri che la rischiara dal basso, sinistramente. Ha uno zainetto sulle spalle, un?ampia maglietta, pantaloni jeans e sandali, che mi confermano l'impressione freak che ho avuto all'inizio. Ho tempo di notare tutte questi particolari perché il tipo continua a viaggiarmi a fianco, alla mia stessa velocità. Continua ad osservarmi insistente, senza quasi voltarsi a guardare la strada, con un?espressione che mi suona beffarda, che non saprei definire. Rallento per farmi sorpassare ma rallenta anche lui restandomi al fianco. ?E questo che cazzo vuole??. Non sono un tipo da gare per strada, tanto meno con gli sconosciuti. Accelero un po? per vedere che fa... accelera anche lui ed è sempre lì, affiancato, con la testa girata a fissarmi senza guardare la strada. Non so cosa pensare: non è che mi senta minacciato ma la situazione è strana. La strada è deserta, sono tranquillo ma non al punto di fermarmi per fare conversazione e così accelero di più, allungando in avanti di qualche metro. Si vede che l'ho colto alla sprovvista perché adesso è dietro. Imposto l?entrata tranquilla in una rotonda e vedo il suo fanale avvicinarsi nello specchietto, così uscendone scalo una marcia aumentando bruscamente la velocità. Adesso è dietro... nello specchietto vedo solo la luce del suo abbagliante che ne riempie la visuale... apro tutto: ormai siamo in gara!

    Pringles finite. Mi sciacquo la bocca con l?ultimo sorso di latte e ripenso al tizio in Vespa incontrato mentre tornavo a casa. Dove si sarà infilato per sparire a quel modo? Devo avere ancora nelle vene tracce di adrenalina per quell?esaltante folle corsa notturna: ?Sarà per quello che adesso non ho sonno??.

    La strada è tutta nostra. Mi abbasso di poco per stare dentro la sagoma del parabrezzino e chiudo i gomiti alla ricerca della migliore impostazione di guida. Altra rotonda: piega a destra, curvone a sinistra e di nuovo piega a destra per riprendere la strada principale. Ci muoviamo all?unisono viaggiando "a trenino" praticamente alla medesima velocità. Non so lui ma io sono a chiodo, con il gas aperto a fondo corsa. Percorriamo un lungo tratto rettilineo e ce l?ho sempre dietro, in scia, sempre più vicino fino a che si allarga affiancandomi da destra e mi sorpassa. ?Bastardo! A destra non vale!? penso, ma poco più avanti c?è l?ennesima rotonda e deve rallentare per impostarne la traiettoria. ?Allora? Ti piace il gioco sporco? Bene!? In genere sono un tipo che viaggia tranquillo e non so bene cosa mi abbia preso... fatto sta che vedendo la strada deserta a parte noi due, arrivando alla rotonda anziché girarci attorno sulla destra la prendo contromano da sinistra. Il giro da quella parte per riprendere la provinciale è più breve e così grazie a questa mossa mi ritrovo di nuovo in testa anche se solo di qualche metro, ma sono già lanciato quando lui sta ancora uscendo dalla curva.

    Non è che ho fame, è che non sono ancora soddisfatto. Passo nuovamente in rassegna il contenuto dei pensili per vedere se si materializza qualcos?altro. Nutella! Quando la mangio al volo dal vasetto la cosa migliore per me è usare un coltello da frutta, di quelli che non tagliano per intendersi. Rigiro la lama nella crema e quando ne ho raccolta abbastanza la infilo in bocca ritirando poi la lama tra le labbra strette, in modo che ne esca perfettamente ripulita. Due, tre volte, non di più perché dopo stucca. Apro sul tavolo il giornale di domenica, rimasto in giro nonostante manchi poco a vedere spuntare l?alba di mercoledì, e mi metto a sfogliarlo. Nel silenzio della notte il rumore delle pagine che girano sembra un frastuono.

    Mi appiattisco più che posso lungo questo nuovo tratto rettilineo, esaltato da questa corsa fuoriprogramma, impegnato al massimo, incoscientemente incurante del rischio. Non so per lui, ma per me la gara sta per finire. Un po? più avanti svolterò a sinistra lasciando la provinciale: per me il traguardo è quell?ultimo semaforo lampeggiante. Viaggio a cannone in mezzo alla strada, tenendomi esattamente lungo la linea bianca di mezzeria, con lui sempre dietro in scia a pochissimi centimetri, che si apre a sinistra e a destra senza decidersi a superarmi: è come se anche lui avesse capito che quel semaforo sarà il nostro traguardo. Abbasso la testa completamente, alla ricerca della massima penetrazione aerodinamica. Non guardo neanche più la strada che è deserta, dritta davanti a me. Nello specchietto lo vedo arrivare da sinistra. Ho paura che se forzo ancora un po? la manopola del gas finirà per restarmi in mano! A testa bassa mi lancio negli ultimi metri della nostra folle corsa, certo di vederlo affiancarsi e sorpassarmi, ma io non mollo di un  millimetro. Eccomi al semaforo! ?Ce l?ho fatta! Non mi ha
    passato!?. Chiudo il gas rallentando decisamente per farlo affiancare. Butto un occhio allo specchietto ma non lo vedo. Mi giro. Non c?è nessuno: la strada dietro di me è deserta e l?unico segno di vita è il semaforo del nostro traguardo che lampeggia ormai lontano. Un istante fa sentivo chiaramente il rumore del suo due tempi che mi ruggiva dietro il copino e adesso non c?è più. Sparito. Penso che forse si sarà infilato da qualche parte, tra qualche casa. Peccato, dopo quella galoppata sarebbe stato bello almeno scambiarsi due parole.
    Con un andatura decisamente più tranquilla percorro solitario gli ultimi chilometri fino a casa.

    Durante la settimana non prendo mai il quotidiano locale perché finirei per non avere nemmeno il tempo di aprirlo. La Domenica invece lo compro sempre anche se spesso non riesco a leggermelo con calma, per bene. Ora ne sfoglio le pagine distrattamente, leggendo i titoli e cercando qualche articolo che ancora non ho letto... e mi sento una merda. Questa notte tornando verso casa ho rischiato inutilmente e stupidamente la vita e adesso leggo un titolo: ?Oggi i funerali del giovane centauro di Tradate... il ragazzo di ventitré anni era deceduto giovedì scorso a causa delle ferite riportate nell?incidente con un furgone che lo ha investito mentre viaggiava in sella (ironia della sorte!) proprio di una Vespa. Poi non riesco più a leggere nient?altro. C?è una foto della scena dell?incidente. La Vespa, un PX chiaro è per terra. Accanto, sull?asfalto, un casco a scodella, scuro... decorato con delle margherite chiare. C?è anche la sua foto, una faccia sorridente e spensierata, capelli mossi e un lungo pizzetto che gli da quell?aria... fricchettona...

     

    ------------- * -------------  

     

    ... in pratica la versione vespistica della celebre leggenda metropolitana dell'autostoppista fantasma. Ringrazio tutti quelli che sono arrivati a leggere fino in fondo e se vi è piaciuto postatemi due righe per dirmelo, che mi fa sempre piacere. Anzi, postatemele anche se non vi è piaciuto!

     

    Lorenzo 205

     

     


  • Tutto il mondo è un paesino

    Parigi?? 14.518 km²??..11.174.743 abitanti?.. 14.518 km²950 Km??950 Km??una colonia bresciana!!!

     

    Neanche a casa incontro per così tante persone in una sola giornata.

     

    Ma andiamo con ordine.

     

    1)      Marco: non posso dire di averlo incontrato per caso, sono stato suo ospite per più di una settimana (a proposito, auguri!! Adesso non puoi più dire a Julià di avere un anno meno di me)

    2)       Andrea: un simpatico ometto che abita a meno di un km da me che ho conosciuto a Padova e incontrato semi per caso a Parigi

    3)       Annina: la mia cuginetta era un po? di tempo che meditava un trasferimento nella metropoli francese, ma non ci eravamo assolutamente messi d?accordo sui periodi.

    4)       Lorenzo: Erano 4 anni che non lo vedevo, mai mi sarei immaginato che incontrasse mia cugina nella metro

    5)       Un compagno del Liceo: Avete presente quando fissate una persona convinti di conoscerla? ?Ma come può essere, sono a mille chilometri da casa, chissà chi mi ricorda?. ?Ma tu?.sei Mondello??

    6)       Il fratello di Andrea: Non avevo collegato che hanno lo stesso cognome fino a quando non li ho visti insieme.

    7)       Gli altri 2 amici del fratello di Andrea: li avevo conosciuti anni fa durante l?autogestione dell?Arnaldo

     

     

    Direi che può bastare

     

  • Puzza ...... di tirocinante

    Purtroppo il mio tirocinio in 3° chirurgia sta per finire, e domani, insieme alla professoressa, dovremo tirare fuori tutto quello che abbiamo imparato in questi giorni.

    Per me è stata più una gita, al contrario dei miei compagni non ho ancora le conoscenze adatte per usufruire al pieno delle esperienze che abbiamo fatto, ma una cosa l?ho capita.

    L?ospedale puzza!

    L?entrata puzza di gas di scarico delle macchine in sosta, che aspettano i parenti appena dimessi, il corridoio puzza di mensa, l?ascensore ha un odore di ascelle miste a peti, e il reparto ha il classico odore di disinfettante.

    Ma l?odore di cui è più pregno è la puzza di tirocinante. I tirocinanti puzzano.

    I tirocinanti del terzo anno puzzano di paura, quando si trovano spaesati per i corridoi, incapaci di chiedere informazioni per timore di essere scoperti impreparati da un chicchessia pseudo professore, l?odore diventa più acre quando lo specializzando di turno saggia le loro conoscenze di semeiotica con qualche domanda, giusto per capire il livello di preparazione del gruppo. La puzza di vero terrore si sente quando sono abbandonati da soli con un paziente per cominciare l?interrogatorio dell?anamnesi, e peggio ancora quando devono chiedere alla loro vittima/carnefice di spogliarsi per passare all?esame obiettivo.

    I tirocinanti del quarto, invece, puzzano di superbia. Si aggirano sicuri per i reparti con passo deciso, consci dell?importanza del proprio senso dell?orientamento, fondamentale in questo campo. Ridono e scherzano in corridoio e sanno perfettamente dove si trovano le macchinette del caffè, con i loro camici perfetti e lo stetoscopio alla moda.

    I tirocinanti del quinto e del sesto sono diversi, penso che faccia parte di un processo evolutivo. Quelli del quinto sono le ombre dello specializzando e del professore, li seguono in fila indiana senza fiatare, mentre quelli del sesto assumono anche una postura leggermente curva, in modo da nascondersi uno dietro l?altro ed essere pronti ad inginocchiarsi quando si incrocia uno dei capoccia. Questi puzzano di fiatella da culo, si sono resi conto che se non ti prostituisci non impari e non vai più avanti.

    Cosa decisamente diversa sono quelli del tirocinio post-laurea, essi sono asettici. Sono dei fantasmi che cercano di mantenere il più possibile l?invisibilità, si nascondono dietro di noi per celare la loro presenza, per paura che qualche interno decida di fargli fare qualcosa che ovviamente non sono ancora in grado di fare o per paura di fare brutta figura. Si riempiono il taschino di penne, in modo da celare la scritta ?Dott? che capeggia sul bordo, in modo da non essere importunati dai petulanti pulcini spaesati del terzo o da pazienti e familiari che si sono perduti.

    Gli specializzandi puzzano di sonno, di caffeina, di sigarette mezze fumate, di deodorante spruzzato attraverso i vestiti, di ?Padana Everest? troppo inamidate, di gel per cercare di mascherare la rivolta di capelli da troppo tempo non pettinati. Si riconoscono con un colpo d?occhio, oltre ad essere distrutti dalle 26 ore dei turni di guardia sono gli unici a non sembrare pazienti a cui è stato buttato addosso un camice. Sotto la tunica lisa infatti portano gli zoccoli e la divisa da interno, oltre ad avere sempre qualche foglio e qualche penna che cerca di evadere da ogni tasca.

    Adesso devo mettermi davvero sotto, basta cazzate, voglio sapere dove sono le macchinette del caffè, e perché no? Voglio aver bisogno del deodorante anch?io!

  • Biologia Molecolare

    Luca scrive:

    oggi ho fatto un altre esame spettacolare

    Fra' scrive:

    cosa

    Luca scrive:

    cioè, ho rifatto spettacolo ad un esame

    Fra' scrive:

    quale

    Luca scrive:

    biologia molecolare

    Fra' scrive:

    cosa hai combinato

    Luca scrive:

    sai com'è, ultima fila, il professore da solo, quello dietro con il compito uguale,

    Luca scrive:

    mi sono girato a chiedergli una cosa

    Luca scrive:

    e il professore: "Ei lei!"

    Luca scrive:

    mica starà parlando con me, mi sono girato solo un secondo cazzo

    Luca scrive:

    "Si si, proprio lei Con il maglione grigio"

    Luca scrive:

    sono salvo, è blu!

    Luca scrive:

    "non faccia lo gnorri!"

    Luca scrive:

    "Mi scusi, ma sta parlando con me?"

    Luca scrive:

    "Si alzi in piedi"

    Luca scrive:

    cazzo mi ritira il compito, bastardo non ti azzardare

    Luca scrive:

    "Venga un po' qui da me che facciamo 2 chiacchiere"

    Luca scrive:

    spero che non mi inviti a cena perchè gli puzza l'alito

    Luca scrive:

    arrivo da lui alla cattedra

    Luca scrive:

    "Senta.......................................................(10 secondi lunghi come 10 minuti) si vuole sedere qui o preferisce la prima fila"

    Luca scrive:

    "Ma guardi.... la ringrazio ma non vorrei creare invidie tra i miei compagni, scelgo la prima fila"

    Fra' scrive:

    sei un coglione

    Luca scrive:

    mi siedo, bestemmio, mi tocco la mandibola (che da tre giorni mi fa un male cane)

    Luca scrive:

    "La sto annoiando?"

    Luca scrive:

    "Continua a sbadigliare!!"

    Luca scrive:

    "no, è che mi fa male l'angolo della mandibola, non so se è mal di denti o mio fratello che sta facendo la patente"

    Luca scrive:

    "tira di quelle inchiodate !!"

     

  • Dagli annali dell'università di Milano

    Fra' scrive:

    esame di istologia

    Fra' scrive:

    ero andata in uni ad assistere ad un appello

    Fra' scrive:

    poco prima dell'inizio dell'appello

    Fra' scrive:

    arriva il nostro sig mondello

    Fra' scrive:

    tutto frettoloso

    Luca scrive:

    l'abbiamo presa larga eh

    Fra' scrive:

    e vestito di arancione

    Fra' scrive:

    sembrava un omino dell'anas

    Fra' scrive:

    mi trascina nel bagno

    Alka scrive:

    luca eri in tuta??

    Luca scrive:

    (ero rientrato alle 8 quando avevo il treno alle 8.20, speravo di riuscire a cambiarmi in treno

    Fra' scrive:

    ....ehm...posso?!

    Luca scrive:

    prego prego, ci mancherebbe

    Fra' scrive:

    ....dicevo!?.....ah...ci sono...

    Luca scrive:

    il bagno

    Alka scrive:

    (luca: cercavi di beccare col fascino della divisa, dì la verità )

    Fra' scrive:

    mi trascina nel bagno.......e mi costringe ad assisterlo nel suo spogliarello

    Luca scrive:

    avevo già colpito, questa donna è MIA

    Luca scrive:

    (fascino ANAS?)

    Fra' scrive:

    tua.....loro!!!!!

    Alka scrive:

    luca in mutande... uno spettacolo che non manca nemmeno a me ora

    Luca scrive:

    EI?

    Fra' scrive:

    è bellino....sai?!

    Fra' scrive:

    la mutanda lo fa molto sexy terron

    Alka scrive:

    lo so lo so

    Fra' scrive:

    allora

    Fra' scrive:

    dicevo

    Fra' scrive:

    si cambia

    Fra' scrive:

    insacca la tuta nello zaino

    Fra' scrive:

    e ci appropinquiamo all'aula

    Fra' scrive:

    fatto l'appello

    Fra' scrive:

    aspettiamo il suo turno pregando padre pio affinché interceda con la madonna

    Fra' scrive:

    chiedo a luca se si sente preparato

    Fra' scrive:

    e lui:

    Luca scrive:

    IO SONO L'ISOLOGIA

    Alka scrive:

    (padre pio e la madonna... raccomandazioni elevate eh?! )

    Luca scrive:

    lei, io no

    Fra' scrive:

    "ho studiato ieri sera per preparare l'esame di introduzione alla biologia della cellula" (ci tengo a far notare che l'esame che doveva sostenere in quel momento era quello di istologia!!!!, e non quello di introduzione)

    Fra' scrive:

    vabbè

    Luca scrive:

    ei, capita a tutti di sbagliarsi

    Fra' scrive:

    arriva il suo turno

    Fra' scrive:

    e la madonna si fa sentire

    Fra' scrive:

    lo fa capitare con l'assistente, molto più comprensiva e meno caina della docente

    Fra' scrive:

    si siede tra i banchi 

    Fra' scrive:

    e io mi posiziono dietro alla povera malcapitata

    Fra' scrive:

    così da sentire bene tutto

    Fra' scrive:

    prima domanda

    Luca scrive:

    arpia

    Fra' scrive:

    gli fa vedere una foto di un tessuto

    Fra' scrive:

    e lui ci azzecca a culo

    Luca scrive:

    come al solito

    Luca scrive:

    anche a brescia il vetrino l'ho imbroccato a culo

    Fra' scrive:

    e da li la catastrofeeeeeeeeee!!!!!!!

    Alka scrive:

    cioè?

    Luca scrive:

    hi hi hi hi h

    Fra' scrive:

    la povera donna ha l'ardire di chiedergli di descrivere l'ASSONEMA

    Fra' scrive:

    e lui

    Alka scrive:

    (...ho paura)

    Luca scrive:

    fai bene

    Fra' scrive:

    ".....sssì.....allora.....l'assonema (continuava a lanciarmi occhiate disperate)"

    Alka scrive:

    tipo Fantozzi con Franchino sulla spiaggia?

    Fra' scrive:

    "...dicevamo....allora...bhè..."

    Fra' scrive:

    e se ne esce con un:

    Luca scrive:

    L'ASSONEMA! certo

    Fra' scrive:

    "L?assonema è la parte finale del Neurone"

    Fra' scrive:

    vedo la poveraccia affloscisrsi sul banco

    Fra' scrive:

    lo guarda perplesso

    Alka scrive:

    noooo

    Fra' scrive:

    e le dice:

    Luca scrive:

    si, cioè, è la parte iniziale del neur... no!

    Fra' scrive:

    "......no?!....non centra il neurone?!"

    Fra' scrive:

    e lei:

    Fra' scrive:

    allora sig mondello

    Fra' scrive:

    mi disegni un ciglio

    Fra' scrive:

    Fra' scrive:

    ti sembra un ciglio quello

    Fra' scrive:

    ?

    Luca scrive:

    beh si, è più corto di un capello

    Alka scrive:

    uah uah uah

    Fra' scrive:

    poi la povera malcapitata gli chiede di disegnargli delle ciglia

    Fra' scrive:

    e lui:

    Fra' scrive:

    Fra' scrive:

    (non ci credo ancora)

    Fra' scrive:

    L?occhio divino!!

    poi lei inizia ad urlare:

    Fra' scrive:

    "MONDELLOOOO.....MONDELLOOOO!!!!"

    Fra' scrive:

    e giù con 20 minuti di cazzate sul ciglio

    Fra' scrive:

    intervallate dal solito ritornello:

    Fra' scrive:

    "MONDELLOOOO....MONDELLOOOO!!!"

    Fra' scrive:

    ripetuto a mani giunte

    Fra' scrive:

    dalla poveraccia

    Luca scrive:

    mi metteva in agitazione

    Alka scrive:

    mondello mondello!

    Fra' scrive:

    io volevo scoppiare a ridere

    Fra' scrive:

    la faccia di ronzo di luca era da fotografare

    Fra' scrive:

    ops

    Fra' scrive:

    volevo dire bronzo

    Luca scrive:

    come fai a fare un esame quando dietro la professoressa c'è una tutta rossa che soffia?

    Fra' scrive:

    ad un certo punto la tizia gli dice:

    Fra' scrive:

    "ok...basta"

    Fra' scrive:

    e lui:

    Fra' scrive:

    "ok...l'ho passato? quanto mi da?"

    Fra' scrive:

    e lei:

    Fra' scrive:

    "no mondello!....lei mi è proprio simpatico, mi farà piacere rivederla a giugno!"

    Fra' scrive:

    era da riprendere

    Fra' scrive:

    cose da pazzi

    Alka scrive:

    luca non si smentisce mai!

    Luca scrive:

    anche botanica non è andato male

    Fra' scrive:

    si ma li io non ero presente

    Luca scrive:

    nives non mi ha parlato per una settimana

     

  • Blog??
    Blog? Che cos'è realmente un Blog? Ecchennesòio!
     
    L'idea me l'ha data "Il Cinico Marco" (da non confondersi con "Il McGayveroso Marco") ma non ho ben chiaro che cosa sia un blog, proverò a dargli questa connotazione.
    Comincierò allora col presentarmi. Mi chiamo Luca, ho 22 anni (22.....si...no!....no no, è giusto!) vivo a Brescia ma non posso definirmi bresciano senza procurare incontrollabili ondate di riso tra tutti quelli che mi conoscono, sono iscritto alla facoltà di taglio e cucito all'austera università degli studi di Brescia, un luogo cupo e grigio a tal punto da farmi rimpiangere l'anno passato a bighellonare per Biologia a Milano. Sono abbastanza basso, piuttosto orbo e decisamente panzuto (posso sfoggiare orgoglioso una gravidanza al 36° mese).
    Faccio parte dell'associazione O.P. (Opera Pietosa? ) volontari C.B. Brescia con il ruolo di Milite (quasi ignoto) dove semino scompiglio, sono iscritto al Vespa Club Di Brescia come socio latitante (un po' come in università).
    Ho un fratello poco più giovane di nome Enrico e uno Stupido Cane Giallo che si chiama Alfio.
    Mi piacciono diversi generi di musica, spazio dagli Smashing Pumpkins a Lucio Dalla, da Tracy Chapman a Elio e le storie tese, èassando per Carmen Consoli e Samulele Bersani (suona un po' MTVeggiante ma non volevo scivere il solito elenco) e molti genrei cinematografici, vedo sempre con piacere i film di Salvatores, Besson e i film francesi in generale, Sergio Rubini, Zach Braff (Garden State è un capolavoro), CSI Las vegas e X-Files.
    Vista anche l'ora tarda non mi viene in mente nulla, il resto verrà da sè nei prossimi post.
    Ciao e buona notte a tutti.
  • Miei Raid
  • Elenco Raid VOL
  • Elenco Raid Vespa Club
  • Custom List
  • Università Brescia
  • Le mie foto sul blog
  • Università Milano


Blogger Vespista del mese

Nick:
Anni:
Città:
Vespa:
Il Blogger Vespista del mese è un modo per cercare di far conoscere a tutti i migliori Blogger Vespisti presenti sul variegato mondo di Internet.
Segnala BloggerVedi gli altri